Skip to content

2013, ANNO DELLE COMETE!

20 febbraio 2013

cometa1

Quest’anno vedremo parecchie comete, tra cui ci sarà, anche Ison, la più importante e luminosa dell’ultimo secolo.

di BROLINDO CANGA, PIETRO CASTEGNERO  e FRANCESCA GALLI

 Preparatevi signore e signori: l’anno 2013 si prospetta come quello delle comete.

Avverrà tra l’ottobre del 2013 e il gennaio del 2014. La cometa più importante di quest’anno sarà  Ison, che prende il nome da un  telescopio, l’International Scientific Optical Network. Individuata da due astronomi dilettanti lo scorso settembre, è stata scovata oltre Giove.

Secondo alcuni astronomi potrebbe essere la cometa più luminosa degli ultimi cento anni, visibile in pieno giorno e addirittura più luminosa della luna. C’è un unico problema Ison potrebbe non resistere all’incontro “ravvicinato” con il sole, meno di due milioni di chilometri, per cui potrebbe frantumarsi. Potrebbe avvicinarsi al sole a novembre di quest’anno, quando sarà distante solo 1,5 chilometri.

Per chi volesse sapere dove avvistarla, nel mese di dicembre si troverà nell’emisfero Nord, dove diventerà la totale protagonista del Natale. Ma poi la sua luminosità inizierà a diminuire piano a piano.

Adesso che vi abbiamo spiegato data, luogo, vorremmo anche darvi informazioni sulla loro fisionomia e sul perchè delle loro code.

Le comete sono oggetti celesti relativamente piccoli, simili ad asteroidi e sono composti prevalentemente da ghiaccio,e da altre sostanze volatili come biossido di carbonio, metano e con aggregati di polvere e diversi minerali.

Le comete hanno le code dato che quando si avvicinano al Sistema solare, sistema planetario costituito dai vari oggetti celesti mantenuti in orbita dalla forza di gravità del sole, il calore di quest’ultimo fa sublimare i suoi strati di ghiaccio più esterni. Vengono  prodotte correnti di polvere e di gas che vanno a formare una grande, ma rarefatta atmosfera al nucleo, chiamata chioma. Mentre la forza esercitata sulla chioma dalla pressione di radiazione del sole, e sopratutto dal vento solare, conducono alla formazione di un enorme coda che punta in direzione opposta al sole. Speriamo di aver risposto a tutte le vostre curiosità!

Annunci
One Comment leave one →
  1. MAssimiliano permalink
    2 giugno 2013 14:20

    Bellissimo. Complimenti.
    MAssimiliano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: